venerdì 15 novembre 2013

Chi ben comincia #11

Buon pomeriggio e buon venerdì amiciiiiiiiiii!!!!
Nonostante ci sia il diluvio universale e nonostante mi si prospetti un week end impegnativo dal punto di vista lavorativo il venerdì è un giorno che adoro, ancora più del sabato e della domenica...c'è la magia dell'attesa...quella che ti fa bramare, sognare... 
E' anche per questo motivo che ho scelto proprio il venerdì come giorno per la mia rubrichetta preferita Chi ben comincia, ideata dalla mia amica Alessia del blog "Il profumo dei libri". :)))))))))
___________________________________________________

Oggi ho scelto di leggere insieme a voi un libro che mi è stato spedito poco tempo fa dalla casa editrice Salani e che mi inuriosisce tantissimo: All'ombra dei fiori di jacaranda di Rosalba Perrotta. L'ambientazione siciliana dei libri attira sempre moltissimo la mia curiosità - nel mio sangue scorre sangue siculo!!! - e quindi non potevo dire di no a questo libro quando mi è stato proposto dalla casa editrice. In più la trama mi incuriosisce, quindi in attesa di avere il tempo di leggerlo comincio ad accontentarmi dell'incipit.
REGOLE:
- Prendete un libro qualsiasi contenuto nella vostra libreria
- Copiate le prime righe del libro (possono essere 10, 15, 20 righe)
- Scrivete titolo e autore per chi fosse interessato
- Aspettate i commenti


In quella casa regnava l'ordine. Un esercito di scope allineate per dimensione nello sgabuzzino, e poi battipanni sospesi secondo una gerarchia precisa, e pile di strofinacci ripiegati con cura.
La cucina, linda e fredda come un obitorio, ospitava un Braque (autentico): Natura morta con pesci; pesci morti, ovviamente, come è giusto che siano in una cucina. Stecchiti, con mezzo limone accanto.
Il resto della casa io non lo frequentavo per non offuscarne lo splendore. "Guai a te se vai in giro a combinare disastri, Arabella" minacciava Caterina, la cameriera continentale dalla faccia di oliva pallida. E per prevenire la mia eventuale disobbidienza controllava che le porte fossero sempre chiuse a chiave. Il salone delle feste, i solotti, lo studio, la stanza da pranzo buona, la foresteria, la camera dela zia Colomba con annesso boudoir, e varie altre stanzette di incerta destinazione si aprivano solo per le pulizie, effettuate a turno e con cadenza regolare.
In quelle occasioni oggetti e arredi venivano tolti e si proedeva con foga spietata, dando la caccia ai granelli di polvere nascosti negli intagli dei mobili e alle eventuali ragnatele complete di ragno che avessero osato fare la loro comparsa. Quando i pavimenti erano asciutti e i tappeti battuti, Caterina cogedava Crocifissa, la donna rubizza che veniva ad aiutarla: "Puoi andare per oggi, e cammina scalza. Attenta a non lasciare impronte". E poi sistemava tutto con l'aiuto di un metro pieghevole, curando che le distanze tra i mobili fossero quelle di prima e che niente fosse fuori posto.

L'unica cosa fuori posto ero io.
___________________________________________________

Caspita, che ansia!

Per come sono io - disordinata cronica - in quell'ordine assoluto potrei morire!!! ahahahahahah
Comunque devo dire che questo incipit mi piace molto, mi sembra divertente il fatto che tutto sia visto dal punto di vista di Arabella che in modo ironico ci descrive questa casa immacolata con gli oggetti allineati in ordine di dimensione e la distanza dei mobili misurata con il metro pieghevole!
Sono proprio curiosa di sapere come andrà avanti il romanzo. Non vedo l'ora di conoscere la zia Colomba per capire cosa la porta a trattare la casa come una reliquia da osservare e non toccare!
Chissà se è così fredda anche nei sentimenti...chissà com'è il suo rapporto con Arabella...
E poi Arabella...perchè l'unica cosa fuori posto è lei? Come è arrivata dalla zia Colomba?
Insomma un sacco di domande che attendono una risposta!
Voi cosa ne pensate? Vi piace? Io andrei avanti a leggere ancora!
Se vi va ditemi la vostra e magari lasciatemi il vostro incipit!!!

6 commenti:

  1. Che bell'incipit ;) spero solo che il resto del libro sia tutto così XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo! Sarebbe un capolavoro!!! hihihihihihihihi

      Elimina
  2. Ciaoo :) Ho scoperto il tuo blog ora! ** mi piace molto e mi sono iscritta tra i follower!
    Bellissima la rubrica di Alessia e questo incipit mi incuriosisce molto anche se io sono una disordinata incurabile xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaoooo!!! Benvenuta nel mio angolino e grazie per i complimenti!
      Questa rubrica è il mio primo amore... *__*

      Elimina
  3. Ma ch cariiino!!!
    Mi ricordo che avevi già parlato di questo libro, mi avevo incuriosita e avevo adorato la cover!!!!! Ora sono ancora più curiosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto Michy? Non so perchè ma quando ho letto questo incipit ho avuto subito l'impressione che ti sarebbe piaciuto!!!
      E' vero, avevo già parlato di questo libro in una puntata di shopping letterario! ;)

      Elimina