giovedì 10 luglio 2014

Random #6

Rubrica mensile curata da Michy in cui, ogni secondo giovedì del mese, vi parlerà a Random di argomenti diversi legati al mondo dei libri e della lettura.
____________________________________________________________


Rieccomi alle prese con la seconda tappa della Master Reader, ospitata stavolta dal blog Il profumo di libri.
La sfida consiste nel leggere 5 libri, con cover di 5 colori diversi! Dopo il panico iniziale è stato quasi facile trovare ciò che facesse per me!
Ecco le mie letture!
_______________________________________

Per la categoria cover bianca


Panino al prosciutto di Bukowski, 327 pagine, voto 3,5/5

E' il primo libro che leggo di questo autore brutale, un po' sboccato e "dannato" e non ha deluso le mie aspettative. Penso che la realtà che si trova a vivere il protagonista non potesse proprio essere trattata con pizzi e merletti, per cui giustifico e non inorridisco di fronte alle espressioni un po' colorate usate da Bukowski, anzi, a dirla tutta, mi aspettavo di peggio. La vita di Henry è uno schifo, la sua famiglia è povera all'osso, il padre è un frustrato cattivo, la madre si nasconde e gli va dietro con il classico comportamento della moglie remissiva e sottomessa. Oltre a questo è anche sfortunato un po' in tutto. La storia è quella della sua vita, dal primo ricordo alla prima adolescenza, quando, senza chissà quale motivo, la narrazione si conclude, e stop. Ecco, questo è l'unico lato del libro che mi ha fatto fare una smorfia, perché non succede nulla da finale, nel bene o nel male. Per quel poco che ho capito di Bukowski scommetto che l'ha fatto apposta.

_______________________________________

Per la categoria cover rossa


...E ora parliamo di Kevin di Lionel Shriver, 476 pagine, voto 5-/5
Il rosso si addice perfettamente a questo libro perché è una storia agghiacciante, cruda, sanguinolenta. Pensavo che fosse tratto da una storia vera ma ero mal informata, e per fortuna direi! Anche perché alcuni aspetti della storia sono un'iperbole enorme, un'esagerazione che lascia un po' di amaro in bocca. Di fronte a simili comportamenti da parte di un bimbo tanto piccolo, sfido qualunque genitore a soprassedere, a rimuginare continuamente dentro di sé come fa la madre senza fare nulla di concreto (non si può pensare che un bimbo di due anni sia solo un perfido str***o-perdonate il termine) oppure, semplicemente, a non vedere, come fa il padre. Credo che la protagonista di questa storia in realtà sia la mamma di Kevin che sì, parla del figlio e di tutte le cattiverie inaudite e insensate che le ha rifilato da quando è venuto al mondo fino al terribile epilogo finale, ma ne parla attraverso sé stessa, esaminando scrupolosamente la sua esperienza di madre e di moglie e lo fa scrivendo lettere su lettere al marito in una sorta di confessione disinteressata. Ecco, tralasciando quegli aspetti troppo sopra le righe che creano dubbi e scetticismo, le parole della madre spaccano il cuore. Tutta la vicenda non è altro che la storia della crescita di un assassino nato.

_______________________________________

Per la categoria cover blu


Dove l'acqua è più blu di Jane Heller, 331 pagine, voto 4/5

Amicizia, romanticismo, una vacanza fra donne, un po' di suspence e qualche battuta divertente fanno di questo romanzo una lettura piacevole e leggera. Lo stile dell'autrice facilita e incoraggia a proseguire senza sosta. Gli elementi di base su cui è costruita la storia sono piuttosto comuni, è vero, ma la Heller li ha ben composti, ha unito i pezzi di un puzzle stra-noto con un tocco di freschezza. I personaggi sono ben strumentalizzati, dalla riccona snob ai vecchietti arzilli dentro, tutti insospettabili ma inevitabilmente sospettati. Troviamo naturalezza e vivacità ben rappresentate anche nella cover, dove l'effetto acqua è riuscitissimo e i colori danno un bel brio. Quindi, pur non potendolo definire il romanzo del secolo, posso ritenermi ampiamente soddisfatta dall'inizio alla fine, senza picchi eccezionali di entusiasmo, ma senza la minima noia o monotonia. Un romanzo ben fatto, adatto per staccare la spina e concedersi una pausa quasi del tutto spensierata.
_______________________________________

Per la categoria cover gialla



Immortal rules di Julie Kagawa, 473 pagine, voto 4/5
Una storia accattivante, affascinante, cruenta e che mi ha appassionata facilmente. La realtà post-apocalittica descritta è spregevole, il sangue vivo è schiavo dei vampiri, la stragrande maggioranza di esseri umani impauriti e deboli, è totalmente addomestica e sottoposta a regole ferree, che però non assicurano protezione visto che al buio, ma non solo, tutto può succedere e i cattivi sono davvero cattivi nel profondo, pervasi da una sete che li rende ciechi. Non parlo solo di vampiri perché qui troviamo altri esseri infettati da un morbo bestiale che non lascia scampo, se possibile ancora più crudeli dei vampiri. La protagonista è l'ago nel pagliaio, forte, coraggiosa e caparbia. L'ovvietà che accompagna la sua umanità di vampira con un cuore è ben sostenuta per fortuna così da non cadere nel banale. La sua storia è triste, affollata di tradimenti e perdite sofferte. La svolta per lei arriva proprio da ciò che ha sempre considerato il male supremo. Nella civiltà del tutti contro tutti, l'unico scopo è sopravvivere: più difficile o più facile farlo non so, quando si mettono di mezzo i sentimenti.

_______________________________________

Per la categoria cover verde

La mia vita e altri difetti di Sarah Hutter, 272 pagine, voto 4-/5

Un abbaglio pazzesco.. ma aspettate! Dico così perché mi aspettavo tutt'altra lettura, forse per la cover bella colorata e gioiosa, che mi ha fatto allegria! Mi ha ingannata! Rileggendo la trama ora mi chiedo che diavolo posso aver letto prima! Che cantonata! Insomma, io pensavo che avrei avuto a che fare con una lettura leggera, spensierata, che avrei letto della classica tizia nevrotica e sconclusionata, irriverente e ironica all'inverosimile.. e invece!?!?!! Seppur la lettura non sia stata faticosa o pesante, non vi ho trovato nulla di tutto ciò: la storia di Karoline è tutt'altro che piacevole, è ansiosa, agitata, caratterizzata da crisi di pianto e di panico che, alle sensibilone-straemotive-oddiosonocosìpureio come me, fa un pochetto accapponare la pelle! Me la sono pure fatta addosso nel timore di avere tratti in comune con lei e di trovarne più di quanti avrei mai immaginato XD ipocondria vieni a me! Immagino di avervi spaventato, ma nonostante tutto mi è piaciuto
_______________________________________
Anche questa puntata di Random è finita! 
Come trovate questi libri? Ce n'è qualcuno che vi ispira? Avanti gente, ditemi la vostra!


Alla prossima.

8 commenti:

  1. ho partecipato anche io a Master Reader! Dei tuoi libri ho letto solo immortal rules e la penso proprio come te. Gli altri non li conoscevo, sono bei spunti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, ora vado a curiosare per sapere cos'hai letto tu!
      Fra tutti direi che quello che più consiglieri così, senza sapere le tue preferenze, sarebbe E ora parliamo di Kevin.
      Grazie del commento, alla prossima!

      Elimina
    2. Questa Master Reader ci sta impegnando tutte!!! hihihihihi

      Elimina
  2. Ti dirò mi aveva colpito l'ultimo titolo perchè anche a me dalla copertina sembrava leggero ma da quello che dici invece no, però mi incuriosisce comunque. Anche gli altri titoli a me sconosciuti però mi piacciono... Me li segnerò per le prossime letture! Ciao Ely

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, secondo me quella si copre la faccia perché ha una fifa blu della realtà.. altro che vestitino frivolo!!!!
      Sono contenta di averti dato qualche idea ;)

      Elimina
  3. "E ora parliamo di Kevin" lo voglio leggere da un bel po' di tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un bel peso.. fa impallidire, ma è bello!!

      Elimina
    2. Anche io lo voglio leggere! :)

      Elimina