mercoledì 3 dicembre 2014

Recensione #36/2014 - Borgo Propizio di Loredana Limone

Ciao a tutti, carissimi lettori. Come state? Cosa mi raccontate di bello? Io sono particolarmente felice perchè nell'ultimo tempo sto leggendo ad un buon ritmo nonostante le mille cose da fare! Proprio per questo motivo posso regalarvi più recensioni rispetto al solito e spero che questo possa essere di vostro interesse.
Oggi vi parlerò di Borgo Propizio di Loredana Limone edito da Tea, pag.288; un libro di cui vi avevo parlato qui.
Devo ringraziare le mie amiche blogger LGS - lettrici geograficamente sparpagliate - che mi hanno calorosamente consigliato le letture di questa autrice! Vi adoroooooo!!!! :-********

Trama: Quasi tutte le fiabe cominciano con C'era una volta, ma questa è diversa. Questa comincia con C'è una volta... Perché è oggi che Belinda ha intenzione di ripartire e Borgo Propizio, un paese in collina, in un'Italia che può sembrare un po' fuori dal tempo, le pare il luogo ideale per realizzare il suo sogno: aprire una latteria. Il borgo è decaduto e si dice addirittura che vi aleggi un fantasma... ma che importa! A eseguire i lavori nel negozio, un tempo bottega di ciabattino, è Ruggero, un volenteroso operaio che potrebbe costruire grattacieli se glieli commissionassero (o fare il poeta se sapesse coniugare i verbi). Le sue giornate sono piene di affanni, tra attempati e tirannici genitori, smarrimenti di piastrelle e ritrovamenti di anelli... Ma c'è anche una grande felicità: l'amore, sbocciato all'improvviso, per Mariolina, che al borgo temeva di invecchiare zitella con la sorella Marietta, maga dell'uncinetto. Un amore che riaccende i pettegolezzi: dalla ciarliera Elvira alla strabica Gemma, non si parla d'altro, mentre in casa di Belinda la onnipresente zia Letizia ordisce piani, ascoltando le eterne canzoni del Gran Musicante. Intanto i lavori nella latteria continuano, generando sorprese nella vita di tutti...

Ho cominciato questo libro con tantissime aspettative visto il grandissimo slancio con cui le mie amiche blogger mi hanno sempre parlato di Loredana Limone e dei suoi romanzi e devo dire che non sono stata delusa.
Lo stile di questa scrittrice mi ha regalato quelle emozioni che mi aspettavo, quella freschezza che normalmente trovo nei libri di Andrea Vitali o di Luca Bianchini ed è stato amore assoluto e a prima vista.
Borgo Propizio è un luogo inventato ma assolutamente tangibile per chi lo legge. Un borgo praticamente abbandonato, sulle colline dell'entroterra, con pochissimi abitanti e una vita pari a zero.
Nessuno si sarebbe aspettato di vedere dei giornali sulle vetrine del vecchio ciabattino dovute ad una ristrutturazione, nessuno avrebbe potuto credere che qualcuno avrebbe ancora avuto il coraggio di rilevare quel negozio triste - ed anche abitato dai fantasmi, diciamola tutta - e vuoto da tempo.
Ma a volte è proprio quello che uno non si aspetta che può rivelarsi la scelta giusta. E Belinda ci prova, investe tutte le sue energie - perchè i soldi no, quelli li investe il padre avvocato! - per tirare a nuovo quel locale e realizzare il suo sogno di sempre: aprire una latteria.
Lascia la sua vita di città - con la scusa anche di dimenticare un amore finito - e si trasferisce nel piccolo appartamento che si trova sopra la latteria, sperando di trovare pace in quel posto così dimenticato da tutti.
Ma i lavori e la nascita della latteria saranno, per il borgo, l'input per una rinascita e per la realizzazione di nuovi incontri.  
E' proprio grazie ai lavori infatti che Ruggero, muratore, ma anche piastrellista, ma anche imbianchino, insomma factotum dell'edilizia, incontra - o meglio si scontra - con Mariolina, impiegata dell'ufficio tributi del comune che da tempo aspetta la sua occasione per sbocciare - nonostante i suoi 46 anni - e soddisfare i suoi bisogni di donna.
E' grazie a questi lavori che la vita del borgo non sarà più la stessa visto che ogni giorno i suoi abitanti avranno qualcosa di nuovo da osservare e da raccontare. E cosa c'è di più bello per un borgo di poco più di 100 abitanti che vedere gente "forestiera" e far volare la fantasia?
I personaggi di questo libro ci mettono un solo istante ad entrare nel cuore del lettore e ci rimangono in pianta stabile per tutta la sua durata. Già i loro nomi ritengo siano splendidi ed azzeccati per ognuno di essi.
Ci sono Marietta e Mariolina - sorelle, sole, unite da un nome simile ma tanto diverse per aspetto e per atteggiamento - c'è Ruggero - muratore, poco istruito ma tanto attento al proprio aspetto ed al proprio stile di vita, con due genitori da accudire ed una vita privata pari a zero - c'è Belinda - la ragazza di città un po' viziata con dei sogni però molto umili  - c'è la zia Letizia - fan scatenata del Grande Maestro (Gianni Morandi) mai nominato apertamente ma presente in tutto e per tutto nello svolgimento del libro, dal nome della latteria allo spasmodico tentativo della donna di poterlo incontrare - ci sono Cesare e Cludia - padre e madre di Belinda alla ricerca di se stessi - c'è Ornella - da poco separata da un marito violento, in cerca di un suo posto nel mondo - e poi ci sono tanti personaggi apparentemente di contorno senza i quali la vita di Borgo Propizio non potrebbe essere la stessa.
Immagine di Gradara a cui l'autrice si è ispirata per la decrizione del borgo.
Anche i luoghi che fanno da scena al libro sono descritti in modo così realistico che sembra proprio di vederli: il Castelluccio con il suo fantasma e le sue leggende, la latteria con i suoi prodotti, i vicoli, la piazza del Comune; nulla è lasciato al caso.
Un libro, questo, che si presenta all'apparenza leggero, ma che al suo interno contiene riflessioni molto profonde su temi assolutamente duri ed importanti.
Loredana Limone sa entrare nel cuore del lettore con il suo stile fresco, divertente, confortante come solo i bravi narratori sanno fare.
Ieri sera ho concluso il seguito di Borgo Propizio intitolato E le stelle non stanno a guardare e il Borgo con i suoi splendidi personaggi mi mancano già... ma questa è un'altra storia! :)))

VOTO:  

 

16 commenti:

  1. bravissima Dany, sei proprio riuscita a rendere l'atmosfera magica del Borgo! Ero sicura che anche a te sarebbe rimasto nel cuore :)

    RispondiElimina
  2. Ottima recensione. Lo voglio leggere da sempre e sono sicuro che mi piacerebbe ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mik! Sono sicura anch'io che ti piacerebbe!!! :)))

      Elimina
  3. Calorosamente consigliato...Diciamo pure che ti è stato,più volte detto DEVI LEGGERE LOREDANA! Però ci abbiamo preso anche stavolta. Brava, bella recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahha per avevate ragione... DOVEVO!!!! ;)
      Grazie per avermelo consigliato e grazie per i complimenti.

      Elimina
  4. Adoro il tuo modo di esprimere l'emozioni a parole, leggendoti, mi sembrava di essere in quel luogo inventato, ma vero dentro noi lettori che è Borgo Propizio. Io sto leggendo il secondo e posso affermare che ho trovato una crescita dell'autrice, la quale ha reso ancor più reale questo luogo. Lo stile fresco di Loredana è piacevole e i personaggi così ben delineati che sembra di essere vecchi amici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io adoro i commenti che ogni volta mi lasci!! *_*
      Ho finito il secondo e la crescita è tangibile!!! Attendo la primavara per il nuovo capitolo!!!

      Elimina
  5. Il borgo, quanto mi è mancato: la latteria, il GM, i suoi abitanti inimitabili... hai ricreato l'atmosfera di quel luogo fuori dal tempo. Ruggero che costruirebbe grattacieli se solo qualcuno glieli commissionate, zia letizia la scaltra e impertinente zietta di Belinda e tutti gli altri. BravA Dany, attendo la recensione del prossimo!!!!

    RispondiElimina
  6. Bella recensione!!!Un'altro libro da aggiungere alla mia infinita lista!!!!

    RispondiElimina
  7. Anch'io ho apprezzato molto la freschezza e la simpatia di questo libro e lo stile della sua autrice... perfetto per rilassarsi un po'! non vedo l'ora di leggere il seguito :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Procuratelo e leggilo! Troverai uno stile più maturo sempre con quell'atmosfera di casa che il Borgo regala!!!

      Elimina
  8. Atmosfera incantevole descritta in modo perfetto! Si capisce al volo che ti piaciuto da matti!!
    Chissà se a me farà lo stesso effetto! Lo spero proprio... è li sul comodino che aspetta di essere letto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo auguro e, ti dirò, il seguito mi è piaciuto anche di più!!!

      Elimina