martedì 3 marzo 2015

Recensione #49 - L'ultima vittima di Tess Gerritsen

Buongiorno carissimi lettori! Come state? Io sto finalmente riuscendo a tirarmi a pari con tutte le recensioni arretrate; per fortuna tra gennaio e febbraio ho letto tantissimo ma poi star dietro a tutto diventa difficile. Oggi vi propongo la recensione del libro L'ultima vittima di Tess Gerritsen edito da Longanesi e Tea, 330 pagine.  

Trama: A una prima occhiata sembra un college come tanti, forse solo un po' più esclusivo e curato degli altri. Immerso negli splendidi boschi del Maine, ha un immenso parco, lunghi corridoi, aule luminose, un attrezzato laboratorio di scienze e uno di informatica. Ma a fare la differenza, a Evensong, sono gli alunni. Qui, infatti, vengono accolti ragazzi che hanno subito gravi traumi, che devono riaprire gli occhi e tornare a vivere, perché la morte li ha sfiorati troppo da vicino. Il posto giusto per Teddy Clock: ha solo quattordici anni, ma è già sopravvissuto a due spaventosi massacri. Due anni fa la sua famiglia d'origine è stata sterminata; da poco una misteriosa e spietata mano omicida gli ha strappato anche i genitori adottivi... Solo a Evensong Teddy potrà ricevere l'aiuto di cui ha un disperato bisogno e riuscire a trovare le parole per raccontare al detective Jane Rizzoli quello che ha visto. Ma per Teddy non sembra esistere un posto sicuro e la morte varca anche l'alto cancello del college. Per Jane e la sua amica Maura Isles, l'anatomopatologa, è l'inizio di un'indagine complessa, a caccia di un assassino che sembra mosso solo da un istinto sadico e crudele e che invece ha un piano preciso ed efferato. Un piano che va compreso e sventato prima che sia troppo tardi...

Ho scoperto questo libro per caso, in una delle mie ultime incursioni in libreria con in mano i miei buoni Mondadori da spendere. Devo essere sincera, cercavo qualcosa che fosse di mio gradimento ma che mi permettesse di spendere poco per sfruttare al meglio i miei buoni. Se mi seguite conoscete il mio amore per i thriller. Quando spulciando nella zona della libreria dedicata ai Tea e mi sono trovata tra le mani questo libro non ho avuto dubbi: una cover che colpisce - anche se con il senno di poi non è particolarmente evocatica della trama - ed una trama assolutamente avvincente. Non ho potuto resistere!
Devo ammettere che non avevo mai sentito nominare la scrittrice che invece ho scoperto essere molto famosa nel mondo - è un'autrice da più di 25 milioni di copie vendute in 40 nazioni - tanto che questo libro è l'ultimo di ben dieci pubblicati in Italia con protagonista il detective Jane Rizzoli. Quando l'ho scoperto mi sono sentita tremendamente ignorante!
Fatto sta che ho letto questo decimo libro - leggibilissimo anche senza aver letto gli altri anche se mi rendo conto che andando in ordine avrei assistito all'evoluzione dei personaggi e avrei saputo anche qualche particolare in più che viene in ogni caso ripreso qui - e l'ho trovato molto interessante.
Partiamo dalla trama. Il libro parte con il botto: tre capitoli, tre adolescenti scampati alla morte, tre famiglie trucidate barbaramente - anzi sei, visto che questi ragazzi hanno visto morire le loro famiglie di origine prima e quelle affidatarie poi . 
La situazione appare subito strana ed ovviamente i tre casi risultano subito molto simili e probabilmente collegati tra loro. Tutti e tre i ragazzi si ritrovano a Eversong, un college per giovani con gravi traumi alle spalle. Le domande che da subito il lettore è portato a porsi sono: qual è il collegamento tra questi tre casi? E' una casualità che Eversong sia diventato il rifugio di tutti e tre i giovani oppure c'è sotto un progetto prestabilito?
A dover indagare è la detective Jane Rizzoli - già protagonista dei libri precedenti - le cui indagini saranno supportate dall'anatomopatologa Maura Isles. Leggendo questo libro si capisce che ci sono dei pregressi non troppo piacevoli tra le due donne e ce ne vengono accennati i trascorsi, ma forsi aver letto i libri precedenti avrebbe reso la lettura più completa; lo stesso vale per i  creatori di Eversong a cui in passato l'autrice ha dedicato addirittura un libro intero ed averlo letto avrebbe sicuramente favorito e reso più chiara la mia lettura de L'ultima vittima. Ecco perchè quando ci sono romanzi così legati tra loro - anche se poi in realtà sono autoconclusivi e il loro legame sta nei personaggi - preferisco andare in ordine ed avere un quadro preciso dell'evoluzione degli stessi e dei loro trascorsi. In questo caso purtroppo nella quarta di copertina non era specificato e non conoscendo l'autrice non potevo saperlo ma rimedierò presto leggendo tutto nella giusta cronologia infatti ho ordinato nei giorni scorsi Il chirurgo, primo volume legato alle indagine di Jane Rizzoli.
Quello che ho apprezzato molto di questa lettura è stato lo stile. Già dall'inizio veniamo catapultati nella situazione di tragicità che questi ragazzi vivono e per tutto il libro le vicende si incastrano così bene e in modo così lineare da non avermi permesso di individuare fino alla fine cosa si nascondesse dietro a tutta la storia. Sono rimasta letteralmente a bocca aperta ed ho pensato che la Gerrister fosse proprio riuscita a prendermi in giro per bene per tutta la lettura! E' una cosa che adoro nei thriller perchè credo debba essere proprio questo il loro scopo.
Evidentemente se questa autrice è conosciuta e venduta in tutto il mondo un motivo ci doveva pur essere ed io l'ho scoperto a fine lettura.
Se amate i thriller e non avete ancora fatto conoscenza con la Gerritsen dovete per forza rimediare e poi, se vi va, tornare a farmi sapere!!! Se invece avete già letto tutto di questa autrice ditemi cosa ne pensate! :)

VOTO:  

9 commenti:

  1. segnato! voglio questo libro e sicuramente leggerò altro di questa autrice, ormai per i thriller sei la mia consulente di fiducia! ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhhhh che responsabilità! Però magari ti conviene cominciare da Il chirurgo che è il primo della serie! A me è arrivato ieri e lo leggerò presto! ;)

      Elimina
  2. Impeccabile come sempre Dany e come ben sai anch'io amo i thriller. Intrigante la tram e adesso? Mi tocca cominciare la ricerca di tutti i volumi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cuore! Buona ricerca allora!!! ahahahahha

      Elimina
  3. Uhhh ricordo quando hai comprato questo libro!!!!! La tua recensione come sempre è stupenda. Che faccio, compro? Il fatto che abbia stupito sul finale...mi intriga!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Compra! Magari insieme a tutti gli altri! ahahahah un bel mutuo... :P

      Elimina
  4. Ho appena scoperto di avere in casa un libro di questa autrice, preso chissà quanto tempo fa... Sarà la mia prossima lettura! Ricordavo un tuo post dedicato a questa stessa autrice: spero che andrà bene anche a me ;) Il titolo è "Il chirurgo". Ti saprò dire!

    RispondiElimina
  5. Il chirurgo è il primo in assoluto! L'ho appena acquistato Hihihihi poi fammi sapere! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cominciato questa mattina! Sono proprio curioso di vedere se una nuova autrice di thriller entrerà a far parte dei miei autori-amici. Ti dirò!

      Elimina