lunedì 31 ottobre 2016

Gruppo di Lettura: Ritorno a Riverton Manor di Kate Morton - Tappa 1



Buogiorno carissimi, eccocia alla prima tappa del gruppo di lettura organizzato in collaborazione con Baba del blog Desperate Bookswifededicato al libro Ritorno a Riverton Manor di Kate Morton.
Vi ricordo che potete iscrivervi in qualsiasi momento e potete commentare anche se avete letto il libro tempo fa e volete dire la vostra opinione relativa alla prima parte del libro. Mi raccomando solo di non fare spoiler sulle parti successive del libro.



Prima di entrare nel vivo del libro facciamo un piccolo riepilogo del calendario:

SPIEGAZIONI E TAPPE

  • Dal 17 ottobre al 31 ottobre: Lettura Parte 1 - 12 capitoli per un totale di  154 pagine
  • Dal 31 ottobre al  7 novembre: Lettura Parte 2 - 10 capitoli per un totale di 146 pagine
  •  Dal 7 novembre al 14 novembre: Lettura Parte 3 - 6 capitoli per un totale di 94 pagine
  • Dal 14 novembre al 21 novembre: Lettura Parte 4 - 8 capitoli per un totale di 112 pagine

IL LIBRO

Titolo: Ritorno a Riverton Manor
Autore: Kate Morton
Casa editrice: Sonzogno
Pag.: 515

Trama:  Inghilterra 1924. È la festa di inaugurazione della sontuosa dimora degli Hartford, e il fragore di uno sparo si confonde con i botti dei fuochi d'artificio che illuminano il cielo. Il poeta Robert Hunter giace senza vita nei pressi del laghetto della tenuta, con la pistola ancora fumante in mano. È suicidio? Di sicuro è uno scandalo che scuote fin dalle fondamenta l'aristocratica casata, perché le uniche testimoni del fatto sono le sorelle Hannah ed Emmeline Hartford. Che da allora non si parleranno mai più. Inverno 1999. Sono passati più di settant'anni da quella notte, e la quasi centenaria Grace Bradley, nella casa di riposo in cui trascorre i suoi ultimi giorni, è convinta di essersi lasciata per sempre alle spalle i fantasmi del passato e i tristi ricordi. Ma una giovane regista americana, che vuole realizzare un film sulle sorelle Hartford e su quel misterioso suicidio, chiede la sua consulenza. Grace, infatti, oltre che testimone di tempi ormai remoti, è stata anche direttamente coinvolta nella vita della famiglia: cameriera personale di Hannah, fin da bambina aveva servito come domestica a Riverton Manor. Dapprima riluttante, accetta poi di collaborare e comincia a rievocare le vicende dei giovani Hartford, destinati a un'esistenza tanto fulgida quanto breve: il promettente David, partito giovanissimo per il fronte e mai più tornato; la sensuale e intelligente Hannah; la gaia e capricciosa Emmeline; e soprattutto l'enigmatico Robert Hunter, del quale entrambe le sorelle erano innamorate...


   LE MIE IMPRESSIONI


Una prima parte che, per quanto mi riguarda, si è fatta amare. Una parte conoscitiva, dove vengono gettate le basi per entrare in sintonia con i personaggi e per iniziare a comprendere la storia.
Ho ritrovato da subito lo stile ricercato di questa autrice e una narrazione capace di portarmi indietro nel tempo, in luoghi e tempi del passato. Una ricerca evidente dell’autrice sul periodo storico, tanto da riuscire a ricrearne perfettamente le ambientazioni.
Siamo in Inghilterra, intorno al 1990. La narratrice di questa storia è Grace, una ultra novantenne ormai residente in una casa di riposo: una lunga treccia bianca, le giornate che scorrono tra un tè, una boccata d’aria in giardino, quattro chiacchiere con l’inserviente della residenza per anziani, qualche passeggiata ogni tanto con la figlia Ruth. È in uno di quei giorni tutti uguali che Ursula Ryan scrive a Grace perché sta per realizzare un film; le riprese inizieranno a giorni, e vorrebbe sincerarsi che la ricostruzione degli ambienti della residenza degli Ashbury a Riverton Manor sia impeccabile. Chi meglio di Grace, che ha lavorato in quella casa come domestica potrà darle la conferma di fare un buon lavoro?
È così che Grace ritorna a fare i conti con il passato, con un suicidio che ci viene svelato nelle primissime pagine proprio dal copione di quel film. Da subito l’attenzione del lettore viene incuriosita dalle parole di Grace che spesso accennano ad un grandissimo segreto che non ha mai svelato a nessuno, un mistero che aleggia nell’aria per tutta questa prima parte del libro.
La narrazione ha dei continui flashback in cui Grace alterna momenti del presente con momenti del passato. Oltre a qualche accenno alla donna che è diventata, alla vita che ha vissuto, al rapporto con sua figlia ormai sessantenne, Grace ci racconta dei suoi anni trascorsi a Riverton Manor, dal suo arrivo in quella casa nel 1914 – quando aveva solo quattordici anni - fino allo scoppio della guerra. I suoi occhi sono i nostri occhi. Da domestica, durante il suo servizio, ha potuto assistere a molte conversazioni di famiglia; una testimone diretta dei principali avvenimenti e delle interazioni tra i personaggi.
La scelta dell’autrice di far lasciare a Grace novantenne la testimonianza vocale attraverso un registratore mi è molto piaciuta; il suo voler confessare il segreto che la accompagna da decenni a suo nipote Marcus è un espediente che le permette di ricapitolare la questione con lui e con i lettori proprio come se fossero essi stessi i destinatari di quel messaggio.
Moltissimi i personaggi con un ruolo importante che già in questa parte ci vengono presentati: dai fratelli Hartford – Hannah, la figlia maggiore, Emmeline, la minore e David, unico figlio maschio – a Robert Hunter – spesso chiamato Robbie che, dai racconti di Grace sappiamo essersi tolto la vita - a Marcus – nipote di Grace, scrittore, a cui l’autrice sembra preparare un ruolo di primo piano per le parti future del libro - .
Ci sono inoltre tantissimi personaggi secondari ma non meno importanti a livello di storia come Nancy, il signor Hamilton, la signora Townsend, Ruth, e moltissimi membri della famiglia. 
Molti sono anche i riferimenti alla letteratura e all’arte. Due gli argomenti che più mi hanno colpito. Il primo è la passione di Grace per Sherlock Holmes; in più passaggi questo dettaglio viene inserito nel racconto come il momento in cui Grace ragazza, da grandissima amante di Sherlock Holmes al suo arrivo a Riverton Manor per lavorare come domestica nasconde i suoi libri in uno scialle per paura che le vengano confiscati dal maggiordomo o più avanti il momento in cui va proprio a comprare l’ultimo libro di Doyle da un ambulante spendendo praticamente tutta la sua paga.

Poi diedi un’occhiata alla porta e con il cuore che batteva forte aprii il mio bagaglio segreto.
Conteneva solamente tre libri, le copertine arricciate con i titoli a lettere dorate un po’ sbiadite. Li riposi in fondo al cassetto, nascondendoli bene dentro lo scialle. Il signor Hamilton era stato chiaro: la Sacra Bibbia era consentita ma qualunque altra lettura, quasi sicuramente di natura pregiudizievole, doveva essere sottoposta alla sua approvazione, pena la confisca. Io non ero certo una ribelle, anzi allora nutrivo un profondo senso del dovere, ma era impossibile per me vivere senza Holmes e Watson. […]
Inoltre un motivo personale e segreto mi spingeva verso il villaggio. Era da poco uscito il quarto romanzo di Arthur Conan Doyle basato sulle inchieste di Sherlock Holmes, e io mi ero accordata con un ambulante perché me ne procurasse una copia. Mi sarebbe costato i risparmi di sei mesi, ma per la prima volta avrei acquistato un libro nuovo. La valle della paura. Il titolo bastava già a mandarmi in solluchero. […]
Gli avevo dato appena un’occhiata a casa dell’ambulante, solo per accertarmi che fosse il libro giusto. Ora potevo finalmente studiarne la copertina, passare le dita sulla rilegatura di cuoio, sfiorando i caratteri incisi sul dorso, La valle della paura. Sussurrai quelle parole così suggestive e mi avvicinai il libro al naso, inebriata dall’odore dell’inchiostro. Il profumo delle possibilità.
Il secondo in realtà è solo un passaggio che però mi ha conquistata ed è quello che rappresenta il nostro primo incontro – ed anche quello di Hannah - con Robert, in biblioteca, mentre si incanta ad osservare un quadro di Picasso.
Alla fine il suo sguardo si fermò su un dipinto. Una figura nera su fondo blu: una donna accovacciata che dava le spalle all’osservatore. Il quadro era quasi nascosto nella parete più lontana della biblioteca. fra due panciuti vasi cinesi, bianchi e azzurri.
Si avvicinò al dipinto per osservarlo meglio. […]
“Dire così tanto con così poco”, mormorò invece il giovane dopo qualche istante.
Hannah non fece commenti anche perché le spalle del ragazzo le impedivano di vedere il quadro. Sospirò, sempre più confusa.
“È incredibile”, proseguì lui. “Non vi pare?”
Davanti a tanta impertinenza, Hannah non potè fare altro che capitolare e andò a mettersi accanto all’ospite. “Al nonno non è mai piaciuto”, disse, sforzandosi di apparire disinvolta. “Lo trova triste e indecente. Ecco perché lo tiene nascosto qui.”
“Anche voi lo trovate triste e indecente?”
Hannah guardò il quadro come se non lo avesse mai visto.
“Triste sì. Ma non indecente.”
Robbie annuì. “Un’espressione così spontanea non può mai essere indecente.”
Ma vogliamo parlare di quanto debba essere meravigliosa quella biblioteca? Non vorrei mai doverla pulire come tocca fare a Grace ma perdermi in quella quantità spropositata di libri mi piacerebbe eccome!
Tirando le somme questa prima parte mi ha lasciato addosso una voglia irrefrenabile di sapere quale sia il grande segreto che la nostra protagonista ha mantenuto per anni, insieme alla voglia di capire che ruolo avrà Marcus nella storia. Se in più aggiungiamo che proprio sul finale di questa parte mentre gli uomini di casa partono per il fronte accade qualcosa che ci lascia a bocca aperta…bè, non so proprio come ho fatto a resistere tutto questo tempo prima di andare avanti. Quindi se non vi dispiace io andrei a continuare la lettura!!!

Ci vediamo lunedì 7 novembre sul blog di Baba - Desperate Bookswife - in cui si chiacchiererà della seconda parte del libro.

28 commenti:

  1. Non posso che essere d'accordo con te su tutto Dany! Non vedo l'ora di sapere come prosegue la storia e soprattutto devo ammettere che sono in trepidazione per Alfred, a cui mi sono affezionata ancora più che ai membri della famiglia! Sono sempre particolare io :-) al momento sono in Belgio e non posso continuare la lettura ma cercherò di recuperare appena tornata... in fondo sto leggendo solo tre libri contemporaneamente :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti stia piacendo! Wow in Belgio... Goditela che tanto hai tempo per recuperare. Ahahahah anche io sono a quota 3 insieme

      Elimina
  2. Dany te l'avevo detto che questo libro era bellissimo!! io l'ho amato proprio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione! Per ora lo trovo veramente bellissimo, e scorre che è un piacere! ;)

      Elimina
  3. Libro interessante. Personaggi per caratterizzati. Scrittura coinvolgente. Insomma la morton non delude. Certo è...che ci lascia così. Comunque sento di amare tutto, la residenza, la anziana protagonista.

    RispondiElimina
  4. Ciao!
    Avere più tempo e leggerli tutti i libri di Kate Morton!
    Anche a me piacerebbe la Biblioteca come la loro (e non doverla pulire!). Mi ricorda un po' la biblioteca che la Bestia indica a Belle ... eh niente, sono romantica.
    Spero vi piacerà anche nel prosieguo.
    Buona lettura, Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pian piano ho intenzione di leggerli tutti!

      Elimina
  5. ciao! questo romanzo sta piacendo molto anche a me... non avevo letto mai niente di questa scrittrice e devo dire che ha una stile molto scorrevole e avvincente...sì! riesce a tenere incollati i lettori, a me senz'altro!! ma mi sembra di capire dai commenti, sono in ottima compagnia! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che tu abbia trovato una nuova autrice da amare!!! ;)

      Elimina
  6. Concordo anch'io sul fatto che la Morton non deluda mai. Con le sue descrizioni accurate ci fa entrare in stretto contatto con i personaggi ed i loro pensieri. Inoltre, dalla descrizione della libreria di Riverton e del modo in cui la protagonista Grace si emoziona quando compra il libro con tutti i suoi risparmi, si evince anche tutto l'amore della scrittrice per i libri. L'unico personaggio che ancora non ho compreso a pieno é Hannah.. Non ho capito se sia una figura positiva o negativa mA forse è proprio quello che voleva l'autrice, per ora. Altro personaggio misterioso, per ora, é la mamma diGrace. Perché non lavora più al castello? Si capisce che ci sia qualcosa che lega lei alla storia principale e Grace di conseguenza .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non ho ancora capito a pieno Hannah, mi sono chiesto spesso se il suo essere anticonformista sia più un capriccio che una convinzione e non vedo l'ora di vedere che piega prenderà la storia!
      Sulla mamma di Grace ho fatto delle ipotesi, vedremo se il tempo mi darà ragione!

      Elimina
  7. Io sono una lettrice molto più d'azione e ammetto che, a volte faccio fatica a stare al passo con la Morton perché è davvero accuratissima ma anche lenta per i miei gusti. Però il libro per ora mi sta piacendo e poi sono sicura che riserverà una sorpresa finale (in altri suoi libri che ho letto, accade). Grace è deliziosa, una ragazzina molto dolce che cerca di fare la cosa giusta ma ha uno spirito un filo ribelle. E poi adora Sherlock!
    Spero che la seconda parte non mi deluda. Alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che nonostante la tua predilezione per l'azione questo libro non ti stia deludendo!

      Elimina
  8. Ecco anche me! Io non ho ancora cominciato, però la buona voglia ce l'ho, ho messo il libro sul Kindle e da giovedì che sarò in ferie spero di recuperare il tempo perso e raggiungervi :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai dai dai, tanto tu quando lo cominci sei una scheggia! ;)

      Elimina
  9. eccomi! sono a metà tappa...avevo iniziato il libro (come ultimamente spesso mi succede) molto scettica..non è certamente il mio genere, io sono più per gialli o thriller o anche fantasy..ultimamente grzie a voi sto scoprendo e apprezzando altri generi, ma comunque pensavo che questo romanzo non fosse proprio nelle mie corde..ed invece già dalle prime pagine mi sno dovute ricredere! mi sta coinvolgendo e attraendo, mi piace il modo che l'autrice ha di narrare, mi piacciono i personaggi e il modo in cu vengono presentati, tramite i ricordi di Grace e mi piace l'ambientazione..non lo so se riuscirò a rispettare le tappe..mi sa che se continua così me lo leggo tutto di un fiato!

    RispondiElimina
  10. Eccomi! Dopo una giornata senza connessione su PC e ad occuparmi di parenti che hanno deciso di fare l' improvvisata di Halloween, riesco a scrivere solo ora. Primo libro della Norton che leggo, per ora mi pare proprio bello. Non posso che condividere la tua bella recensione sulla prima parte Dany.
    Sono leggermente indietro rispetto a quanto stabilito ma conto di rimettermi rapidamente in pari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, sono contenta che anche tu stia apprezzando questo libro è soprattutto questa autrice! Tranquilla, ti rimetterai in pari sicuramente! ;)

      Elimina
  11. Eccomi qua!! Ieri non sono riuscita a collegarmi per commentare. Non avevo mai letto nulla della Morton, ma devo assolutamente rimediare!
    Con la sua scrittura ti riporta esattamente nell'epoca in cui è scritto il libro, e con i continui flash back di Grace tiene vivo l'interesse del lettore!
    I personaggi non sono i classici personaggi piatti, ma sono ben caratterizzati, inoltre ho adorato il fatto che Grace ami Sherlock Holmes sarà il fatto che anche io apprezzo tantissimo i libri di Doyle...
    Mi piace tantissimo l'idea di lasciare al nipote una cassetta con la registrazione della vera storia della famiglia...insomma mi sta piacendo veramente tantissimo!!
    Ed ora di corsa a leggere la seconda parte ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La capacità della Morton di portare il lettore in qualsiasi epoca lei voglia è una delle caratteristiche che amo di più! Sono felice che ti stia piacendo!!!

      Elimina
  12. Buonasera a tutte voi, vi seguo da lettrice silenziosa da un po di tempo, ma ora ho deciso di uscire allo scoperto. Questa sera ho ritirato il libro dalla biblioteca. Spero di riuscire a rispettare le tappe. I vs commenti sono moolto incoraggianti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Benvenuta!!! Sono felice che tu abbia deciso di uscire dal silenzio.
      Vedrai che riuscirai a metterti in pari.

      Elimina
  13. ciao, vero che non mi odiate? Io ci ho provato ma proprio non mi piace, mi annoia tantissimo e chiedo proprio scusa. Ho aspettato e deciso di leggere poco al giorno, tipo medicina, ma alla fine ho desistito, non fa per me. Vi seguirò lo stesso, giuro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, perché mai dovremmo odiarti? I libri sono amati da alcuni è odiati da altri... È anche questo il bello! Mi spiace solo che ti sia dovuta obbligare come con le medicine ahahahah

      Elimina
    2. E noi lo apprezziamo un sacco! Ma non preoccuparti, ci saranno tantissime altre occasioni! ;)

      Elimina