martedì 29 novembre 2016

If I say... #2 - Cappello



Buongiorno carissimi e buon martedì! Eccomi di ritorno con una nuova puntata della rubrica If I say, la rubrica in collaborazione con Baba Desperate Bookswife Vi ringraziamo per il grandissimo riscontro avuto con questa rubrica; siamo veramente felici che vi sia piaciuta.

Nella prima puntata vi abbiamo chiesto di votare la parola con cui ci saremmo misurate oggi. Le parole erano Neve e Cappello che se la sono giocata fino all’ultimo giorno; l’ha spuntata Cappello con 7 voti, rispetto ai 6 voti ottenuti da Neve.

LA PAROLA DEL GIORNO: CAPPELLO

Pensando a questa parola la mia associazione è stata immediata e diretta a due libri in particolare.
La prima è un’associazione puramente legata alla cover di un libro che ho amato molto quest’anno - una vera rivelazione - che forse, proprio a causa della cover, non avrei preso in considerazione se l’autrice non me lo avesse proposto. Si tratta di Sarò come mi vuoi di Greta Simeone edito da Corbaccio. Ho adorato Gina, la protagonista del libro, e ne ho adorato la storia, ma la cover con il cappellone mi faceva pensare troppo a uno di quei libretti rosa che proprio non fanno per me. Invece leggetelo, nonostante la signora con il cappello!!!! ;)
Recensione qui.



La seconda associazione è invece legata all’abitudine di Angelica, la protagonista del libro Non aspettare la notte di Valentina D’Urbano edito da Longanesi, di utilizzare un cappello a tesa larga per coprire i segni di un grave incidente accadutole da bambina. Quel cappello è il suo rifugio dagli occhi indiscreti della gente, la sua coperta di Linus, un elemento che poteva risultare unicamente un dettaglio ma che invece l’autrice ha saputo valorizzare tanto da renderlo una particolarità.
Recensione qui.

FOTO COVER

Ecco tutto, due libri che ho amato molto e che per due motivi diversi associo a cappello!!!

Ed ora veniamo a voi…
Come la scorsa volta vi chiediamo di scegliere la parola che utilizzeremo per la prossima puntata di If I say. Avrete tempo fino a martedì 6 dicembre per scegliere tra

VIAGGIO
oppure
LEGNO


Ora correte a vedere i libri che sono venuti in mente a  Baba!!!

Come sempre aspettiamo i vostri commenti con le associazioni che vi vengono in mente per la parola cappello!!! ;)

 


6 commenti:

  1. Stavolta ho votato da Baba (un po' per uno non fa male a nessuno :-D) però Non aspettare la notte mi ispira tantissimo! A me "Cappello" fa venire in mente Buchi nella sabbia di Malvaldi, che ha un bel cilindro in copertina :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahah brava Nadia!!
      A me è piaciuto molto, nonostante per molti sia sottotono rispetto soprattutto ai libri ambientati alla fortezza. Ma quei libri io li avevo trovati meno belli di Acquanera che però è un genere talmente unico che non credo sia paragonabile! ;)
      Leggi la Gina eh!!!

      Elimina
  2. Il libro della D'Urbano devo assolutamente leggerlo, ho amato Acquanera! **

    Stavolta dico Legno! u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Acquanera per me resta unico e insostituibile! Però comunque adoro la d'Urbano che riesce sempre ad arrivarmi al cuore.

      Elimina
  3. Dany quanto è bello Non aspettare la notte??? *_*
    Voto legno eh per la prossima volta!
    Adesso passo anche da Baba hihihi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bello! Ho adorato i due protagonisti!

      Elimina