lunedì 7 luglio 2014

Ritratto di Signora #5

Buongiorno a tutti! E buon lunedì.
Oggi come un orologio svizzero torna la rubrica Ritratto di Signora.
E' il turno di Federica del blog Stasera cucino io a parlarvi di una vicenda allucinante che non può lasciarci indifferenti.



È stato difficile, ma allo stesso tempo semplice scegliere di chi parlarvi.
Difficile perché mille idee si affollavano nella mia mente, tutte belle, tutte valide.
Facile perché gira e rigira tornavo sempre allo stesso pensiero.
Personalmente ho sentito la notizia ben più tardi di quando è accaduto il tutto (due settimane o forse più), ma da allora continua a tornarmi in mente.
 

Lo scorso 14 Aprile più di 200 studentesse Nigeriane sono uscite per andare a scuola, e non hanno più fatto ritorno alle loro case.
A rivendicarne il rapimento è stato un gruppo di guerriglieri, che cercano di giustificare la loro distorta visione del mondo mascherandosi dietro la religione. Quella islamica.
Il gruppo estremista Boko Haram (traducibile in maniera approssimativa con: l’educazione occidentale è sacrilega), si è infatti “preso il merito” di tale azione in un video, nel quale si spiega che le ragazze,  colpevoli di essere cristiane oltre che studentesse (ovviamente il gruppo terroristico sostiene che le donne debbano essere completamente analfabete), saranno convertite a forza, vendute come schiave e costrette a sposarsi.
Dopo la diffusione di questo video, lo scontento per come il governo nigeriano stava gestendo le cose  è cresciuto in maniera esponenziale.
Un gruppo di donne, madri delle ragazze, ma anche solo donne solidali con loro, ha cominciato a protestare, organizzando anche una marcia di protesta, proprio per chiedere al Presidente nigeriano un maggiore impegno nella ricerca e liberazione delle ragazze.
In seguito a queste proteste, alcune delle organizzatrici sono state arrestate, colpevoli, secondo la first lady nigeriana Patience Jonathan, di voler solo infangare la reputazione del marito. Arrivando perfino a sostenere che le donne si fossero inventate tutto.
Non so voi ma questa cosa mi fa accapponare la pelle, non posso non chiedermi come una donna (ma anche un uomo) possa fare certe dichiarazioni, come sia possibile estraniarsi fino a questo punto dal dolore altrui, come fare a non sentirsi coinvolti in questo dramma?
A tutt'oggi (o per lo meno nel momento in cui sto scrivendo, magari quando pubblicheremo l'articolo le cose saranno cambiate) non si sa dove siano finite queste ragazze.
C'è chi sostiene che siano state allontanate dal pese e vendute come schiave all'estero, ma purtroppo nessuna certezza.
Nel frattempo però, giusto un paio di settimane fa, altre 60 ragazze sono state rapite nel nord del paese.
Altre vittime che vanno ad ingrossare il numero di tutti quelli che soffrono a causa di delinquenti che si nascondono dietro la religione, ma che di religioso hanno ben poco.
Nella speranza che presto si trovi una soluzione, è partita una protesta che grazie ad internet e ai social network sta facendo il giro del mondo. 
“Bring Back Our Girls” è lo slogan lanciato da Malala Yousafzai, icona della lotta a favore dei diritti umani e dei diritti all’istruzione delle ragazze, sopravvissuta a un attentato dei talebani nel 2012, che ha sottolineato l’importanza di non rimanere in silenzio di fronte ad atti di violenza come questo.
In molti vi hanno aderito, e anche noi vogliamo farlo.





_______________________________________________ 

Sicuramente tutti voi siete al corrente di questa vicenda e sicuramente sapete il clamore che ha fatto l'iniziativa social che è stata adottata in tutto il mondo, tra i vip ma anche tra la gente comune.
Non riesco ad esprimere a parole tutta la rabbia che provo quando sento queste cose; nessuno e ripeto nessuno al mondo può credere di avere nelle mani il destino di qualcun'altro. E il fatto che una donna possa far finta di niente e girarsi dall'altra parte mi fa ancora più arrabbiare.
Ringrazio Fede per aver ricordato questa vicenda. Perchè per non dimenticare e sperare che accada qualcosa bisogna parlare, parlare e parlare!!!!!

Ora vi saluto dandovi appuntamento al primo lunedì di settembre - ad agosto Ritratto di Signora sarà in ferie - con un'altra puntata di questa rubrica.

Potrete trovare questo post anche sui blog:

Stasera cucino io
Franci lettrice sognatrice

Grazie mille a tutti per l'attenzione.

Daniela, Monica, Miki, Francesca e Federica

6 commenti:

  1. é notizia di oggi che una sessantina delle ragazze rapite la seconda volta, sono riuscite a fuggire.. vorrei tanto che tornassero tutte a casa :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di questa notizia anche se mi chiedo quanto ci vorrà prima che siano tutte libere e soprattutto prima che vengano nuovamente rapite (se non peggio) :((((

      Elimina
  2. I fatti di questi giorni sono terribili, inconcepibili. Ho letto qualche mese fa "Io sono Malala" di Malala Yousafzai, ho ammirato la forza e la tenacia di questa ragazzina e della sua famiglia in una realtà e in un contesto per noi anni luce..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho letto ma ne ho sentito parlare benissimo!

      Elimina
  3. E' una storia agghiacciante, che ho approfondito guardando una puntata di Professione Reporter qualche tempo fa.. un incubo! Inspiegabile per noi occidentali, penso che la capiti più spesso di quanto si sappia.
    Bellissimo articolo, complimenti a Federica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Michy...un incubo che nessun essere umano dovrebbe essere costretto a vivere!

      Elimina