venerdì 30 luglio 2021

Letture con Marina #143 - Recensione di Wallis Simpons. Una sola debolezza di Elena Mora

Buongiorno lettori, come state? Ancora al lavoro o già in ferie? Ovunque voi siate, è l'ultimo venerdì di luglio quindi torna l'appuntamento con Marina e una delle sue recensioni. Buon week end! 


Chi non ne ha almeno sentito parlare? Sarà perché negli ultimi mesi ho letto “La sovrana lettrice” di Bennett e ho visto su Netflix “The Crown”, ma curiosando fra i libri ho visto questa biografia romanzata, che di solito evito, e già solo la copertina mi ha attirata. Anche se di solito mi piacciono le biografie senza arricchimenti, ciò nonostante leggere l’ironica frase "la più clamorosa notizia dopo la resurrezione di Cristo", in perfetto stile british e riferita alla relazione tra il re Edoardo VIII e la divorziata Wallis Simpson mi ha ancor di più ed irresistibilmente incatenata al libro e quindi… due chiacchiere su:


Ti
tolo: Wallis Simpson. Una sola debolezza
Autore: Elena Mora
Casa editrice: Morellini, 2021
Pagine: 256

Trama: Per lei, un re a rinunciato al trono inglese. È grazie a lei che ora vi siede Elisabetta. Solo lei ha fatto più danni di Diana alla corona d’Inghilterra. Lei, ben prima di Meghan ha devastato i rapporti fra due fratelli. Ma chi era veramente Wallis Simpson? Come ha potuto una quarantenne americana, due volte divorziata, spiritosa e sgraziata conquistare il cuore di Edoardo VIII, il più affascinante principe di Galles della storia? Nel libro di Elena Mora colei che è stata la donna più odiata d’Inghilterra, ma a un passo da diventarne la regina, si racconta in prima persona. E le sue parole ricostruiscono la grande storia d’amore di cui è stata prima protagonista, poi prigioniera. Perché se sei una Cenerentola, e un principe si innamora di te, il lieto fine non è assicurato. “Una sola debolezza” è un punto di vista femminile su una storia raccontata sempre al maschile: e svela i retroscena più dolorosi, curiosi e piccanti di quella che in Gran Bretagna era stata definita “la più clamorosa notizia dopo la resurrezione di Cristo”.

 

RECENSIONE:   

venerdì 23 luglio 2021

Letture con Marina #142 - Precious Ramotswe, detective di Alexander McCall Smith

Buongiorno lettori, è venerdì quindi torna l'appuntamento con Marina e una delle sue recensioni. Buon week end! 


Avevo già letto qualche romanzo delle altre due serie di questo scrittore. Due o tre romanzi della serie “Le storie del 44 Scotland Street”, che mi erano piaciuti. E il 1° romanzo della serie de “I casi di Isabel Dalhousie, Il club dei filosofi dilettanti”, che mi aveva lasciata un po’ sconcertata e che mi aveva quindi fatto decidere di non proseguire la lettura con un secondo romanzo di questa serie. Mancava all’appello la serie, per così dire, etnica…



Ti
tolo: Precious Ramotswe, detective
Autore: Alexander McCall Smith
Casa editrice: Tea, 2013
Pagine: 207

Trama: Figlie ribelli. Mariti scomparsi. Fidanzati fedifraghi. Truffatori impiccioni. Coccodrilli spariti. Se avete un problema, e non sapete come fare o a chi rivolgervi, è il momento di bussare alla porta di Precious Ramotswe, la sola e migliore investigatrice privata del Botswana. Non ha metodi propriamente convenzionali e le sue maniere non sono esattamente quelle di Miss Marple, ma è sensibile, affettuosa, ha uno strabiliante intuito investigativo e…, cosa non da poco, ha un amico come il signor JLB Matekoni, l’affascinante proprietario della Speedy Motors di Tlokweng Road. E le serviranno tutte le sue qualità e l’aiuto del suo prezioso amico per risolvere un caso davvero complicato: seguire le tracce di un bambino scomparso…

 

RECENSIONE:   

mercoledì 21 luglio 2021

5 blogger per un autore #4: Donato Carrisi - Recensione #401: Il tribunale delle anime

 


Buongiorno lettori, sono già passati due mesi e siamo giunti alla quarta puntata della rubrica 5 blogger per un autore in collaborazione con Ombre di carta, Desperate Bookswife, La lettrice sulle nuvole, e Librintavola. In cosa cosiste? Ogni due mesi leggeremo tutte un libro di uno stesso autore; un modo per ampliare i nostri orizzonti letterari e approcciarci tutte insieme ad autori che magari non avremmo considerato. Dopo gennaio dedicato a John Niven - recensione qui - marzo dedicato ad Antonio Lanzetta - recensione qui - maggio dedicato a Rebecca Quasi - recensione qui - questo mese abbiamo scelto Donato Carrisi ed il libro da me scelto è Il tribunale delle anime, edito da Longanesi, pag. 462. 

Trama:
Roma è battuta da una pioggia incessante. In un antico caffè, vicino a piazza Navona, due uomini esaminano lo stesso dossier. Una ragazza è scomparsa. Forse è stata rapita, ma se è ancora viva non le resta molto tempo. Uno dei due uomini, Clemente, è la guida. L'altro, Marcus, è un cacciatore del buio, addestrato a riconoscere le anomalie, a scovare il male e a svelarne il volto nascosto. Perché c'è un particolare che rende il caso della ragazza scomparsa diverso da ogni altro. Per questo solo lui può salvarla. Ma, sfiorandosi la cicatrice sulla tempia, Marcus è tormentato dai dubbi. Come può riuscire nell'impresa a pochi mesi dall'incidente che gli ha fatto perdere la memoria? Anomalie. Dettagli. Sandra è addestrata a riconoscere i dettagli fuori posto, perché sa che è in essi che si annida la morte. Sandra è una fotorilevatrice della Scientifica e il suo lavoro è fotografare i luoghi in cui è avvenuto un fatto di sangue. Il suo sguardo, filtrato dall'obiettivo, è quello di chi è a caccia di indizi. E di un colpevole. Ma c'è un dettaglio fuori posto anche nella sua vita personale. E la ossessiona. Quando le strade di Marcus e di Sandra si incrociano, portano allo scoperto un mondo segreto e terribile, nascosto nelle pieghe oscure di Roma. Un mondo che risponde a un disegno superiore, tanto perfetto quanto malvagio. Un disegno di morte. Perché quando la giustizia non è più possibile, resta soltanto il perdono. Oppure la vendetta. Questa è la storia di un segreto invisibile...

Prima o poi doveva capitare... Cosa, direte voi? Che un libro di Carrisi non mi piacesse, vi rispondo io.
Eh già, dopo aver amato numerosissimi suoi lavori, mi so o trovata per le mani Il tribunale delle anime ed ho arrancato.
Mi dicevano che andando avanti con la storia lo avrei apprezzato, che sicuramente se non avessi mollato (non lo faccio mai) mi sarei ricreduta e invece purtroppo no. 

sabato 10 luglio 2021

Recensione #400 - Un'estate a piedi nudi di Carolyn Brown

Buongiorno lettori, come state? Io in partenza per una settimanina di mare... approfittiamo di un camp di hockey a Civitavecchia del figlio grande per fare un po' di mare con il piccolo! Poi la vera vacanza sarà come al solito in agosto. Voi? Avete in programma qualche viaggio? Siete come noi in astinenza a causa dell'anno e mezzo appena passato? Prima si partire vi lascio una nuova recensione. Si tratta di quella di Un'estete a piedi nudi di Carolyn Brown, edito da Amazon Crossing, pag. 314.



Trama:
 La ricca e affascinante Kate Steele sapeva che il marito Conrad era un truffatore, e per questo lo ha piantato anni fa; ma non immaginava che la sua arma principale fosse la poligamia. Oltre a lei, infatti, il defunto marito ha lasciato altre due vedove. Jamie, una donna latina tutta d’un pezzo, che gli ha dato anche una figlia. E poi Amanda, incinta di sette mesi e disperata per aver perso il maritino. Conrad aveva un cottage vicino a Bootleg, paesino agricolo del Texas: ognuna delle tre donne è certa di averlo ora ereditato. Così, quando Kate, Jamie e Amanda si ritrovano per caso insieme sotto quello stesso tetto, la calda estate appena iniziata rischia di diventare infuocata. Anche perché uno zelante detective di Dallas è convinto che almeno una delle vedove abbia a che fare con la morte di Conrad. Le iniziali scintille tra le tre inaspettate coinquiline lasciano presto il posto alla voglia di conoscersi meglio e alle serate di chiacchiere in veranda. E in questa assurda situazione, fatta anche di feste di paese e atmosfere country-west, tutte e tre scopriranno di voler dare una svolta alle loro vite.


Ho scoperto questo libro grazie a Kindle Unlimited. Stavo scorrendo i libri inclusi e mi sono imbattuta in questo che mi ha da prima colpito per la copertina e subito dopo per la trama che sembrava fare al caso mio. Un'autrice che non avevo mai sentito nominare ma che ho scoperto aver scritto tantissimo, per fortuna, perchè di certo vorrò leggere altro di suo!

venerdì 9 luglio 2021

Letture con Marina #141 - Recensione di Colette. Un sogno audace di Nicoletta Sipos

Buongiorno lettori, è venerdì quindi torna l'appuntamento con Marina e una delle sue recensioni. Buon week end! 


Conoscete il sociologo canadese Herbert Marshall McLuhan, classe 1911, laureato a Cambridge in lingua e letteratura inglese? No…? Beh, nemmeno io fino alla scorsa settimana. Ma come me, fareste bene a prestargli ascolto, perché grazie a Ornella Nalon de “Gli scrittori della Porta Accanto” che me lo ha presentato, ho imparato un trucchetto curioso e divertente per capire di primo acchito se un libro… è meritevole di essere letto!
Ma in realtà, non fatevi distrarre, perché è di una biografia che Vi vorrei raccontare…


Ti
tolo: Colette. Un sogno audace
Autore: Nicoletta Sipos
Casa editrice: Morellini, 2021
Pagine: 256

Trama: Inseguì tra contraddizioni e ambiguità il sogno più audace per una donna del suo tempo: essere padrona di sé. Il primo marito la chiudeva a chiave per costringerla a scrivere, ma finì apprezzata da Proust, Cocteau, Gide. Diede scandalo danzando nuda al music-hall e per i suoi amori, ma si puliva del fango con un sorriso. Era raffinata, ma bazzicava i bassifondi. Creò cosmetici su consiglio di André Maginot - lo stratega che progettò la linea difensiva francese sfondata dai tedeschi nel 1940 - e dall'impresa fallita imparò a scrivere testi pubblicitari per le sigarette Lucky Strike e le automobili Ford. Voleva far frustare a sangue le femministe e chiuderle in un harem, ma rifiutò di entrare nell'Académie Française perché era preclusa alle scrittrici. Ebbe compagni che potevano essere suoi figli, ma ignorò la sua unica figlia dicendo che generazioni diverse non dovevano vivere insieme. Eppure la figlia, lei pure di nome Colette, si dedicò al culto della madre e volle essere sepolta accanto a lei. Ed è alla figlia che ho affidato il racconto per scavare nei fatti, della biografia della donna.
 

RECENSIONE:   

giovedì 1 luglio 2021

Super Lettori all'Arrembaggio. Settima/Ottava tappa: Luglio/Agosto



Pirati, marinai da quattro pagine... ridendo e scherzando siamo arrivati all'estate e per molti (beati loro) tempo di vacanze. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di unire le due tappe in una, quindi il tempo non scadrà a fine luglio ma avrete tempo di cimentarvi con le nostre sfide fino al termine di agosto. Se non sapete di cosa stiamo parlando qui potrete trovare il post dove viene spiegata a grosso modo la sfida QUI

COME SI GIOCA?


Ogni mese vi daremo 6 obiettivi e una mappa. Ogni libro che leggerete vi farà accumulare punti (1 punto ogni 10 pagine) e il vostro punteggio sarà sommato a quello di tutti i componenti del vascello. QUINDI CI SARA' UN PUNTEGGIO UNICO DEL VASCELLO, NON PERSONALE.

TAPPA SPECIALE OBIETTIVI SPECIALI: questo mese partirete da SEI TITOLI che noi vi saremo. I titoli sono questi:.
 
1- L'occhio del leopardo - Henning Mankell (thriller) - 333 pagine


2- Il blu delle rose - Tony Laudadio (distopico) - 272 pagine


3. Tenebre e Ossa - Leigh Bardugo (fantasy) - 240 pagine



4- Tutta colpa del mare ( e anche un po' di un mojito) - Chiara Parenti (Romance) - 319 pagine



5. Colette. Un sogno audace - Nicoletta Sipos (biografia) - 256 pagine


6. Figlie di una nuova era - Carmen Korn (saga familiare) - 522 pagine


A questi sei libri dovete abbinare delle catene personali:

1- Catena consequenziale in ordine alfabetico per iniziali nome (tipo A-B-C / G-H-I) partendo dall'iniziale del nome dell'autore. In caso caso di pseudonimo vale la prima lettera stampata sulla copertina. In caso di autori Orientali, sta a voi dimostrarci quale sia il nome e quale il cognome.


2- Catena per genere + casa editrice. Dovete leggere almeno due libri partendo da uno di quelli proposti, che siano uguali per genere e casa editrice. Esempio: Saghe familiari della Fazi, Distopici della NN, Romance della Rizzoli, ecc ec


3- Catena in cui si formi una parola italiana di senso compiuto utilizzano la prima lettera del titolo di ogni libro letto. Esempio: Tutta colpa del mare + Un aereo senza di lei + Almarina = TUA


4- Catena colore copertine. Partendo sempre da un libro da noi proposto, scegliere delle copertine a tinta unita che abbiano colori differenti. Esempio:

Catena esempio

5- Catena stesso numero di parole nel titolo. Sempre partendo da un nostro titolo, dovrete scegliere dei libri che abbiano lo stesso numero di parole, congiunzioni, articoli, preposizioni comprese. all Inclusive, come negli Hotel :-) Esempio: Tenebre e Ossa= tre parole. Collego Africa Mon Amour e Isola di Neve.

6- Catena stessa parola. Dovete scegliere dei libri e incatenarli grazie ad una parola che non necessariamente deve essere la stessa. Esempio: L'occhio del giaguaro + L'occhio del male + Ogni Giorno ha il suo male + Ogni respiro. Quindi, il primo collegato al secondo, il secondo collegato al terzo e via così. Può essere anche sempre la stessa parola.


SPECIFICHE TECNICHE DA LEGGERE CON ATTENZIONE. 

* Dovete creare al meno una catena da due libri letti collegati al primo (I libri singoli non danno punteggio).

*Se deciderete di leggere anche il libro da noi consigliato, la catena deve essere almeno da tre, ovvero il nostro + altri due. IL NOSTRO LIBRO, IN QUESTO CASO VARRà DOPPIO (come punti).

*Potete fare catene senza limite di libri, quindi minimo due massimo quanti ne volete. 

*Ad ogni nostro libro corrisponde una e una sola catena, quindi pensate bene a come organizzarvi perchè non potrete ripetere lo stesso tipo di catena o utilizzare lo stesso libro di partenza due volte. Esempio: Se ho usato "Il blu delle rose" per catena colore, non potrò fare ulteriori catene colore o partire a quel libro lì per altre catene. 



Passiamo alla mappa. Come abbiamo scritto i vostri singoli punteggi saranno sommati e andranno assegnati al vostro vascello di appartenenza. Quando LA PRIMA NAVE raggiungerà 2000 punti incontrerà il MOSTRO. Se non perirete, quando la nave conquisterà 4000 punti sbarcherete sull'ISOLA.

Nel frattempo potrete continuare a leggere i vostri libri, questo non ostacolerà le vostre letture.

L'isola e il mostro dovranno essere raggiunti almeno 48 ore prima della fine del mese altrimenti i loro effetti non varranno.  




E cosa facciamo noi TRE? Noi avremo la possibilità di leggere come voi e i nostri punti si accumuleranno alla fine del mese ai vostri punti totali! Bello eh!

Ogni mese il vascello che raggiungerà il punteggio più alto vincerà una fiasca di Rum (gli altri acqua salata...) e il punteggio verrà azzerato a tutti per ripartire da zero il mese successivo. Vincerà la sfida finale il vascello più ubriaco (ovvero chi avrà accumulato più fiasche di Rum in dodici mesi).

Cosa fanno i NOSTROMI? Questa figura l'abbiamo pensata per aiutarci nel lavoro di coordinazione, ci aiuterà a tenere i punti del proprio vascello, ad avvisarci al raggiungimento di un traguardo, insomma coordinerà mozzi e marinai e farà da portavoce. Rappresentanti di classe venite a noi!! Può rimanere sempre lo stesso oppure potrete variare ogni mese, basta che entro un giorno dall'inizio del mese voi lo comunichiate al vostro Capitano.


COME SI INSERISCONO I PUNTI? DOVE SI MANDANO LE RECENSIONI?

Esiste un Gruppo dedicato alla challenge in cui è OBBLIGATORIO ENTRARE (cliccare QUI per richiedere l'accesso) all'interno del quale inserirete la recensione o il link nel caso la vogliate scrivere altrove e dovrete allegare il titolo, numero di pagine, obiettivo, la foto e tassativamente l'# di appartenenza (#laperlanera #olandesevolante #jollyroger). Ci sarà un foglio Drive di riepilogo con il vostro nome e i punti ottenuti che gestiremo noi. ATTENZIONE IL GRUPPO FACEBOOK PER INSERIRE LE RECENSIONI E' QUELLO GENERALE, LE RECENSIONI SI METTONO Lì, VISIBILI A TUTTI I PARTECIPANTI.


COME FACCIO A PARTECIPARE?

- Vi chiediamo di commentare questo post e compilare il format che utilizziamo solo per l'iscrizione QUI. 
Essere iscritti ai nostri quattro blog: Desperate Bookswife, Il salotto del gatto libraioOmbre di Carta, Un libro per amico. 


Per adesso è tutto, ci ritroviamo in alto mare.

martedì 29 giugno 2021

Recensione #399 - Come inciampare nel principe azzurro di Anna Premoli

Buongiorno lettori, eccomi anche oggi con una nuova recensione. Si tratta di quella di Come inciampare nel principe azzurro di Anna Premoli, edito da Newton Compton editori, pag. 318.



Trama:
 Quale ragazza non sogna di sfondare nel proprio lavoro sfruttando la possibilità di trascorrere un anno all’estero? È proprio questa la grande opportunità che un giorno si presenta a Maddison: ma l’inaspettata promozione arriva sotto forma di un trasferimento dall’altra parte del mondo, in Corea del Sud! Maddison, però, è solo all’apparenza una donna in carriera. In realtà è molto meno motivata delle sue colleghe e per nulla attratta dall’idea di stravolgere la sua vita. Come è possibile che abbiano pensato proprio a lei, che del defilarsi ha fatto da sempre un’arte, che ha il terrore delle novità e di mettersi alla prova? Una volta arrivata in Corea, il suo capo, occhi a mandorla e passaporto americano, non le rende affatto facile adattarsi al nuovo ambiente. Catapultata in un mondo inizialmente ostile, di cui non conosce nulla, di cui detesta le abitudini alimentari e non solo, Maddison si vedrà costretta a tirar fuori le unghie e a crescere una volta per tutte. E non è detto che sulla sua strada non si trovi a inciampare in qualcosa di bello e del tutto imprevisto!


Dopo Zazie nel metrò, volevo qualcosa di semplice e leggero, che potesse farmi trascorrere qualche ore leggendo solo per il piacere di farlo, senza la necessità di scoprire messaggi nascosti o stili particolari. Ho quindi optato - su consiglio della cara Ines - per questo libro di Anna Premoli, autrice che volevo leggere da tempo e che speravo facesse al caso mio. Come è andata? Ve lo spiego subito...