mercoledì 14 maggio 2014

Recensione #16/2014 - Finchè non sei arrivato tu... di Kristan Higgins

Buongiorno amici miei! Rieccomi con una recensione. Ultimamente sto cercando di scriverle velocemente perchè sto partecipando ad una sfida di lettura e il tempo massimo per leggere e recensire si avvicina sempre di più!
Oggi vi parlerò di un libro leggero ed allegro utile per spezzare il ritmo tra letture più impegnative.
Mi riferisco a Finchè non sei arrivato tu... di Kristan Higgins edito da Harlequin Mondadori - 255 pagine.  

Trama: Chi di voi non ha sognato di imbattersi, ad anni di distanza, nell'uomo che le ha spezzato il cuore scagli la prima pietra. Magari in una serata in cui siete in forma smagliante, al braccio del vostro fidanzato bellissimo, stupendo e super innamorato che non riesce a tenere le mani a posto nemmeno in pubblico. Non riesce a non accarezzarvi, a non posarvi un bacio sul collo o a mascherare la propria felicità. E a un tratt… no, non può essere lui, l'uomo che ha trattato il vostro cuore come uno straccio, ci si è pulito i piedi e lo ha buttato in un bidone. Oh, ma gli anni non sono stati clementi, con lui, poverino… Peccato che a Posey Osterhagen non sia successo esattamente così. La divisa da cameriera del ristorante di famiglia, con quei nanetti ricamati e i collant verdi, non ha proprio l’effetto di esaltare la sua bellezza, quando Liam Decla Murphy fa il suo ingresso. Ancora bello e affascinante come un tempo, porta scritta in faccia la parola guai.


Prima di cominciare a parlare di quello che mi ha lasciato questa lettura fatemi dire che non capisco per niente il sottotitolo "Ogni ragazza sogna il suo uomo al guinzaglio" perchè credo sia fuorviante; se non avessi sentito parlare bene di questo libro da altre blogger e non avessi capito che si trattava di una lettura divertente avrei pensato di trovarmi davanti ad un Harmony. Per carità, niente contro gli Harmony e chi li legge ma non sono proprio il mio genere, no no no!!!! ;)
Detto questo, se volete una lettura piacevole, capace di farvi sorridere e di farvi distrarre, sicuramente questo è il libro che fa per voi.
Posey Osterhagen, è la nostra protagonista, vero nome Cordelia - e già verrebbe già da dire...poverina... - segni particolari magrissima - ha un metabolismo che le permette di bruciare più di quello che mangia - e con una taglia di reggiseno praticamente inesistente. Adottata alla nascita da genitori di origini tedesche è da sempre in competizione con la cugina, bellissima, altissima con un seno super prosperoso, e conduttrice tv di un programma sulla cugina tedesca.
Posey è single, o meglio si frequenta con un uomo che non vuole far diventare seria la loro storia, lavora nel campo dell'antiquariato - roba vecchia direbbe sua mamma - e quando può aiuta i genitori nel ristorante di famiglia, vestita in maniera improponibile a causa delle divise folcloristiche che il locale in stile totalmente tedesco richiede.
E' proprio quando conciata come un giullare sta dando una mano ai suoi che nel ristorante entra lui, il ragazzo - ora uomo - che durante l'adolescenza aveva rubato il cuore - e anche molto altro...sì proprio quello che pensate ... - alla maggior parte delle ragazze della zona e che aveva poi finito per innamorarsi e sposare la ragazza più carina e di buona famiglia della scuola.
Lui, Liam Decla Murphy, bellissimo, macho, meccanico di professione e...vedovo!!!!
Posey è innamorata di Liam da sempre, fin dai tempi del college, quando lui ormai prossimo al diploma dava una mano nel ristorante dei signori Osterhagen e lei era solo un mucchietto d'ossa del primo anno che faceva di tutto per rendersi trasparente agli occhi degli altri.
Ora Liam è tornato, vedovo dicevamo, con una figlia adolescente per cui nutre un amore folle ed un senso di protezione eccessivo, ai limiti dell'esagerazione (anzi no...diciamo che è proprio esagerato!). E da questo momento tutti i ricordi di Posey riaffiorano, il suo amore per lui, la sua indifferenza, il ballo di fine anno rovinato a causa di una sua batuttaccia, il dolore nel vederlo innamorato di un'altra. In più lui continua a chiamarla Cordelia, il suo nome anagrafico che lei odia e che nessuno utilizza mai! Cosa succederà alla nostra tenera e sfortunata Posey? Riuscirà a prendersi una rivincita o dovrà subire altre umiliazioni?
Con uno stile incalzante e divertente la Higgins ha saputo creare un libro piacevole, fresco, leggero al punto giusto e non troppo sdolcinato.
Mi aspettavo di ridere un po' di più; per quanto ci siano dei passaggi molto divertenti mi è rimasto un po' di amaro in bocca da quel punto di vista.
E' una lettura che comunque mi sento di consigliare soprattutto per staccare un po' la spina o come inframezzo tra letture più impegnative.
Voi lo avete letto? Vi va di dirmi cosa ne pensate?

VOTO:




7 commenti:

  1. Sì vabbè tra Cordelia e Posey non so quale sia il peggiore!!! Eddai ahahahah, ma poi, Decla??? Che roba è? La gara ha chi ha il nome più brutto??? Credo si aver capito che si permetta pure di prendere in giro Posey!

    Non ho letto questo suo libro, ma è in wl. La tua recensione mi ha portata in spiaggia con in testa un bel sombrerone, una mano lo tiene per non farlo volare via - perché sì, c'è un bel venticello che rende il caldo piacevole - e l'altra mano che regge il libro :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *la gara A chi ha (mi sento capra ahahah)
      *credo DI aver capito
      :finedellecorrezioni:

      Elimina
    2. Concordo, sotto l'ombrellone questo libro sarebbe perfetto!!!

      Elimina
  2. La Higgins è molto brava nel far staccare la spina. Ho letto questo libro qualche tempo fa e l'avevo trovato davvero carino. Poi mi piace come scrive l'autrice...

    RispondiElimina
  3. non ho ancora letto nulla di quest'autrice, ma è nella mia lista, magari nelle vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Chiara, credo sia il periodo perfetto!!! ;)

      Elimina