venerdì 27 maggio 2016

Ti consiglio un libro #22 - Un libro che parli di libri

Buongiorno lettori, eccoci con un nuovo venerdì cui diamo il buongiorno con una nuova puntata della rubrica Ti consiglio un libro, pubblicata circa due volte al mese e nata dalla collaborazione con Laura de La Biblioteca di Eliza, Salvia di Desperate Bookswife e Laura de La Libridinosa. Oggi consigliamo Un libro che parli di libri. Come sempre cliccando sul titolo sarete rimandati alla recensione.



IL MIO CONSIGLIO 


Autore: Katarina Bivald
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Pagine: 400
Prezzo:  Cartaceo 16.90 euro - ebook 8.99 euro


Normalmente rifuggo i libri che parlino di libri, di lettrici e di librerie ed è proprio per questo che ho scelto per oggi questo consiglio. Spesso, soprattutto ultimamente, sembra che le case editrici cerchino di attirare con questo stratagemma noi lettori, rifilandoci poi dei bidoni tremendi. Quando quindi si riesce a trovare un romanzo che abbia questo tema e che sia anche valido è festa grande! Ho trovato e comprato questo libro per caso, complice un super prezzo da Libraccio; l'ho acquistato senza pensarci più di tanto e ne sono stata felicissima. Per alcuni tratti lo stile mi ha ricordato quello della Flagg - che oltretutto l’autrice cita più volte - e questo non può che essere un punto a suo favore.
Un viaggio attraverso due continenti ma anche un viaggio nell’animo profondo di una ragazza che ha sempre usato i libri come scudo e che pian piano riesce a tirar fuori il meglio di se, mettendo da parte una corazza ormai scomoda e per niente elegante. Un libro leggero, avvolgente, divertente e capace di far staccare completamente la mente dal quotidiano.
Ed ora correte a scoprire il consiglio di Laura , Salvia e  Laura

18 commenti:

  1. Non sai quante fregature ho preso da libri che parlano di libri xD ma credo che sia stile Kriptonite per me. So che probabilmente prenderò l'ennesima cantonata, ma volendo o meno me li ritrovo sempre davanti.. e resistere è veramente difficile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho smesso di leggerli proprio per le cantonate prese ma ogni tanto ci sta! Ahahahaha

      Elimina
  2. Questo libro mi è piaciuto moltissimo!
    un saluto da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è stata veramente una bella sorpresa! Mi sarebbe piaciuto metterlo come bonus nella sfida ma con 400 pagine mi avrebbero ucciso! 😉

      Elimina
    2. Temo tu abbia ragione! Però a me quelle 400 pagine non erano pesate per niente.
      :-)
      Lea

      Elimina
  3. Mmm vedo anche un mezzo di trasporto in copertina.. Potrei leggerlo mooolto presto ;)

    Anche a me ormai i titoli con libri, libreria e simili nel titolo mi respingono, ma posso consigliarti due titoli che forse avrai già letto ma in cui i libri non sono solo degli specchietti per allodole: L'ombra del vento e La misura della felicità!
    Un abbraccio *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! L'ombra del vento l'ho letto e l'ho trovato assolutamente meraviglioso! La misura della felicità mi manca, lo prenderò in considerazione! Un abbraccio anche a te! 😘😘😘

      Elimina
  4. Non so perché ma i libri che parlano di libri mi danno l'impressione di noia, mah °-°

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse perché ultimamente sono l'esca più banale per cercare di attrarre lettori! 😉

      Elimina
  5. I libri che parlano di libri ni hanno sempre delusa 😣
    Ma questo è davvero carino!

    RispondiElimina
  6. Non è facile trovare un bel libro che parla di libri, perché in genere sono ridondanti e noiosi. Questo però sembra diverso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo romanzo ho amato molto proprio il ruolo dei libri! Per una volta l'eccezione che conferma la regola! 😉

      Elimina
  7. E' in lista da molto ma ancora non l'ho letto. Spero di farlo presto ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi torna a dirmi come ti è sembrato!!! 😉😉😉

      Elimina
  8. Ricordo la tua recensione, infatti è finito in lista!

    RispondiElimina