mercoledì 12 agosto 2015

Libri sotto l'ombrellone #1/2015

Buon pomeriggio lettori!!! Eccomi qui, al terzo giorno di vacanza (due dei quali sotto il diluvio universale) a mantenere la mia promessa pre-partenza: scoprire, come da due anni a questa parte, cosa leggono veramente i lettori - o i leggioni come direbbe mio figlio - sotto l'ombrellone! Se vi siete persi le puntate precedenti di questa rubrica inventata da me non vi resta che cliccare qui.
Intanto vi mostro la mia attuale lettura: La vita prodigiosa di Isidoro Sifflotin di Enrico Ianniello edito da Feltrinelli.



Ed ora, se la connessione mi assiste, siete pronti a scoprire le letture di questa estate 2015?
  • Una donna di circa quarant'anno leggeva con grande interesse Sveva Casati Modigliani ed il suo La vigna di Angelica edito da Sperling & Kupfer. Non è il mio genere ma la lettrice sembrava molto presa.
Trama: Lunghi filari di viti si adagiano sui morbidi pendii di Borgofranco. Da due secoli la famiglia Brugliani è proprietaria di quell'antico borgo e di quelle vigne, curate con pazienza per trarne vini pregiati e inimitabili. A trentacinque anni, Angelica è l'erede della tradizione e del patrimonio famigliare. Madre, moglie, imprenditrice di successo: tutto sembra perfetto nella sua vita. Solo lei sa che dietro quella facciata si nasconde una zona d'ombra, fatta di menzogne - quelle del marito - e di sogni infranti. Una sera, mentre è in sella alla sua moto, l'amarezza e i pensieri pesanti prendono il sopravvento e Angelica, in preda al pianto, non si accorge che l'auto di fronte a lei sta frenando. L'urto è molto violento, ma per fortuna privo di conseguenze gravi, sia per lei sia per il conducente dell'automobile, Tancredi D'Azaro. Angelica non sa ancora che quel nome è sinonimo di alta cucina in tutto il mondo. Ed entrambi ignorano che, dopo quell'incontro fugace, il destino tornerà a intrecciare le loro strade, suscitando la tentazione di un nuovo inizio. Magari da vivere insieme, chissà: starà a loro scegliere, facendo i conti con il peso del passato e le responsabilità del presente, con il desiderio di cambiare e quell'istinto passionale che li anima. Perché la vita è fatta di sogni in cui perdersi e scelte in cui ritrovarsi, incontri che ci cambiano e passioni che ci riportano sulla strada di casa.

  • Un ragazzo sulla ventina leggeva un libro molto particolare, non proprio commerciale, si tratta di La terra desolata di Thomas S. Eliot edito da BUR versione integrale con testo in inglese a fronte. Non posso fare a meno di chiedermi se fosse un libro letto per studio o per puro piacere.
Trama: Smembrati e sottratti alla storia culturale, eroi e luoghi del passato letterario si ricompongono in un montaggio poetico di immagini, incroci interrestuali, registri dissonanti; ormai simboli di un presente desolato, allegorie di una terra guasta protagonisti del tempo drammatico della morte degli dèi. Il poemetto è l'esito di una lunga gestazione, costellata di ripensamenti. Ne danno testimonianza i manoscritti della prima redazione dell'opera, che il curatore cita e commenta nel saggio che arricchisce questa edizione.


  • Un uomo sulla sessantina ed oltre leggeva invece tutto intento L'ultima profezia. 2012. Il testamento dei Maya di Alten Steve edito da Newton Compton. Per un certo periodo ho letto tantissimi libri di questo genere perchè mi ero appassionata all'argomento. Ultimamente invece li ho un po' abbandonati.
Trama: Che cosa lega tra loro la Grande Piramide di Giza, i templi indù di Angkor Vat in Cambogia e la Piramide del Sole a Teotihuacàn? Quale mistero racchiudono gli inspiegabili geoglifi della pianura di Nazca e gli imponenti megaliti di Stonehenge? L'archeologo Julius Gabriel ha consacrato tutta la sua esistenza allo studio delle popolazioni precolombiane ed è convinto che queste colossali opere sopravvissute intatte nel corso dei millenni nascondano un oscuro segreto. Dopo anni e anni di ricerche è convinto che quei monumenti non siano stati costruiti per ragioni di ordine religioso o cerimoniale. Sarebbero invece anelli di una catena di messaggi occulti collegati tra loro, che porterebbero alla risoluzione del più grande enigma della storia dell'uomo. Secondo l'antichissimo calendario dei maya, infatti, durante il solstizio d'inverno del 2012 dopo Cristo una terrificante apocalisse si abbatterà sulla Terra, e c'è un unico modo per sfuggire alla catastrofe... Ridicolizzato dai suoi illustri colleghi, Julius Gabriel muore dimenticato da tutti. Ma non da suo figlio Michael: rinchiuso da undici anni in un ospedale psichiatrico del Massachusetts, è lui l'unica persona al mondo a possedere le chiavi di un segreto che vale la salvezza dell'umanità.
  • L'ultimo avvistamento è quello di un uomo intorno ai quarant'anni che leggeva Tempi glaciali di Fred Vargas edito da Einaudi; un autore questo che mi incuriosisce da un po' ma di cui, fino ad ora, non ho letto nulla.
Trama: Una caccia ai fantasmi tra demoni e strane leggende. Dai ghiacci d'Islanda alla Rivoluzione francese. Il nuovo caso per il commissario Adamsberg e la più stravagante armata dell'Anticrimine parigina. Si è mobilitata tutta l'Anticrimine del tredicesimo arrondissement di Parigi sul caso dei due apparenti suicidi. Il coltissimo capitano Danglard, grande estimatore di vino bianco, l'energica Violette Retancourt, lo specialistica in pesci d'acqua dolce Voisenet. Ma soprattutto lo svagato, irresistibile, "spalatore di nuvole", il commissario Jean-Baptiste Adamsberg. Tutto inizia col ritrovamento di due corpi e la scoperta di uno strano simbolo scarabocchiato accanto a ciascuno di essi. Ma come sempre accade nelle storie di Fred Vargas, questo non è che l'avvio di una avventura che finirà per snodarsi in mezza Europa tra una balzana setta di adepti della Rivoluzione francese e una gita in Islanda finita in tragedia.

Che ne dite di queste letture? Ce n'è qualcuna in particolare che vi ispira o che vi sentireste di consigliare o sconsigliare? Per oggi da Donoratico (Livorno) è tutto. Spero di tornare presto con una nuova puntata di Libri sotto l'ombrellone. E mi raccomando, come accadeva gli scorsi anni, se avvistate qualche leggione sotto gli ombrelloni, scattate una fotografia ed inviatemela alla mail unlibroperamico.dany@gmail.com così da poter diventare anche voi 007 per un giorno!!!! ;)

14 commenti:

  1. Eccoti finalmente! L'unica ed originale!!

    RispondiElimina
  2. Diffidate dalle imitazioni! Quello di Vargas l'ho acquistato e spero di leggerlo presto. Alla prossima 007 Dany

    RispondiElimina
  3. Tardi ma arrivo (sono appena tornata...)! Innanzitutto, complimenti per la rubrica, che adoro... ti consiglio tantissimo Fred Vargas (che è una donna), è in assoluto la mia autrice preferita anche se si fa desiderare tantissimo, pubblica un libro ogni 3/4 anni... Tempi glaciali voglio leggerlo in francese ma ancora non mi sono decisa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Purtroppo dovrò rimandare le prossime puntate al mio ritorno a causa di una pessima connessione. Proverò allora con Vargas... Cosa mi consigli?

      Elimina
    2. Io ti consiglio Chi è morto alzi la mano, il primo romanzo con protagonisti "gli evangelisti" (come scoprirai, la religione non c'entra nulla). Invece per quanto riguarda Adamsberg ovviamente il consiglio è di partire dal primo, L'uomo dei cerchi azzurri: anche se non è il migliore a mio avviso è meglio iniziare dal principio la serie... non fermarti lì però ;-)

      Elimina
  4. ahahah che carina questa rubrica. Ho guardato anche io quest'anno e ho trovato per la prima volta 4 kindle...oltre il mio ovvio

    RispondiElimina
  5. In spiaggia odio i kindle e la ragione è semplice... Non posso sapere cosa leggono ahahahahah ;)

    RispondiElimina
  6. Ciao, mi venuta un idea : Perchè da martedì 08/08 a martedi 15/08 non vediamo sulla spiaggia chi legge e chi non legge? Facciamo anche una statistica di quante persone amano la lettura.

    RispondiElimina