mercoledì 8 luglio 2020

Recensione #362 - Quello che ancora non sai di me di Virginia Bramati

Buongiorno lettori, finalmente riesco a sedermi davanti a questo PC per parlarvi di un libro che ho amato tantissimo, si tratta di Quello che ancora non sai di me di Virginia Bramati edito da Giunti, pag. 294.

Trama: Caterina è cresciuta in Calabria, circondata dal calore di una grande famiglia, è diventata insegnante di Latino e Greco e sta per sposarsi con Francesco: ha davvero tutto per essere felice. Ma allora perché, al momento di aggiornare la sua posizione nelle graduatorie ministeriali, invece di Cosenza le sue dita indicano come destinazione Brescia? E come spiegare ai genitori e a Francesco questi 1000 chilometri che per un intero anno scolastico li separeranno?
Luca è avvocato, ma la missione che si è scelto è un’altra. In una grande villa donata da un benefattore a Sirmione, sul lago di Garda, ha dato vita non a un redditizio bed and breakfast di lusso bensì a una casa-famiglia per adolescenti allontanati dalle famiglie: sono ragazzi cui la vita ha tolto quasi tutto, e Luca – insieme alla pirotecnica Piera Mandelli, assistente sociale del Tribunale – vuole aiutarli a trovare il loro posto nel mondo.
E poi c’è Carla, che da dietro la vetrina del suo negozio osserva tutti senza giudicare, che con un tocco di colore restituisce il sorriso alle sue clienti, che appoggia il phon su una pila di libri e ama il suo mestiere proprio perché – come la lettura – le offre la possibilità di ascoltare ogni giorno nuove storie: Carla, la parrucchiera di Sirmione. Sarà proprio lei ad aiutare Caterina, Luca e i ragazzi della casa-famiglia a scoprire ciò che ancora non sanno di sé…



Avete presente quando un'amica per anni vi martella affinchè voi leggiate una determinato autore? E voi quell'autore non credete possa essere il vostro? Ecco, questo è successo a me con Virginia Bramati. Per anni ne sono stata alla larga, pensando che fosse troppo rosa per me che cerco morti in ogni dove poi, lo scorso anno, dopo aver conosciuto l'autrice a Libri al Leu ho preso in mano un suo libro e me ne sono innamorata, quindi quando ho saputo dell'uscita di questo nuovo romanzo ho voluto leggerlo subitissimo. e per fortuna...

"E finalmente parto. Con la sottile, disturbante, persistente sensazione che qualcosa stia per cambiare nella mia vita. Per sempre.

Se conoscete Virginia Bramati sapete che i suoi romanzi hanno come fil rouge Verate, un paesino di fantasia della Brianza in cui lei normalmente ambienta i suoi romanzi, o almento così è stato fino ad ora. Già, perchè questo nuovo romanzo pur avendo dei richiami molto precisi ad alcuni di quei personaggi è ambientato da un'altra parte, in un luogo molto lontano da Verate ma altrettanto magico, questa volta un luogo preciso, non di fantasia: il Lago di Garda, e più precisamente tra Sirmione e Desenzano. 
Protagonisti di questa nuova storia sono Caterina e Luca, insegnante calabrese al liceo classico lei, ex avvocato milanese lui, che a Sirmione gestisce una casa/comunità per ragazzi problematici. 
Caterina abita in Calabria, ha un fidanzato ufficiale, una famiglia ingombrante e la necessità di partire, di allontanarsi da quel posto in cui tutto diventa comunitario. Coglie l'attimo facendo richiesta per insegnare al nord, non a Milano perchè ci vogliono andare tutti, ma a Brascia. La sua domanda viene accolta e finisce ad insegnare a Desenzano, in un istituto alberghiero in cui la sua materia - italiano - non è di certo quella più amata e in cui dovrà fare non poca fatica per ambientarsi. Immaginatevi la madre di Caterina quando scopre che sua figlia sarà mandata al nord (già, perchè la figlia non le dirà mai che è stata una sua scelta), così lontano da lei proprio quando devono organizzare il suo matrimonio con Francesco. La partenza sarà una scena spassosissima che rimanda alle macchine di coloro che dal sud tornano al nord stracolme di ogni ben di Dio mangereccio di cui la terra calabra dispone... Ho riso di gusto assistendo alle scene di famiglia, quelle scene che tanto mi ricordano l'infanzia, le partenze con gli zii, i portapacchi pieni, le succosissime cibarie che con i nonni di ritorno dalla Sicilia arrivavano a casa!
Ma, direte voi, cosa hanno a che fare Caterina e Luca? Apparentemente poco in realtà  - a parte forse la lontananza di entrambi dalla loro terra d'origine e la necessità di scoprire qualcosa che ancora non sanno di sè - ma le loro strade sono destinate ad incrociarsi più volte visto che lei diventa l'insegnante di Petr, uno degli ospiti della casa-famiglia, un ragazzo amante della cucina ma che l'italiano non sa neanche dove sta di casa.
Un tema importante, quello dell'affido, con cui Virginia Bramati accresce la profondità del suo libro, ma che non diventa mai un eccesso. Non solo questo l'argomento su cui un lettore si troverà a riflettere: si parla di famiglia, di approccio all'insegnamento, di fughe, di amore, di lettura, di comunità. 
In realtà se andiamo bene a guardare i due personaggi di cui vi ho parlato saltano all'occhio, ma tutti a modo proprio sono un po' i protagonisti di questa storia: c'è Carla, parrucchiera con la passione della lettura, che nel suo negozio organizza delle serate parlando di libri e che da subito si rende disponibile con Caterina mettendola a suo agio; c'è Piera Mandelli, la generalessa, assistente sociale che impone, più che proporre, le sue soluzioni senza se e senza ma; ci sono i ragazzi della comunità attorno cui sono cuciti molti degli avvenimenti e che creano interazione tra tutti i personaggi dando corpo alla storia; c'è Villa Elena che con il suo parco e le sue stanze lussuose fanno da contorno alla storia ma diventano anche tutt'uno con essa; ci sono i genitori di Caterina; Francesco, il futuro sposo; c'è il lago attorno al quale Caterina fa delle lunghe corse chiarificatrici; ci sono gli educatori della casa famiglia, i colleghi di Caterina, le clienti della parrucchiera e poi c'è Ottone il personaggio più personaggio di tutti! 
Ad aggiungere coralità al romanzo c'è la narrazione da tre punti di vista, in prima persona. Sono infatti Carla - la parrucchiera -, Caterina e Luca, con i loro occhi, a narrarci le vicende prendendoci per mano e portandoci lì, sul lago, con loro. La storia prende così corpo, perchè i vari punti di vista ci permettono di conoscere le vicende a trecentosessanta gradi, senza lacune.
Aggiungeteci poi uno stile scorrevole, divertente da morire, coinvolgente e il gioco è fatto, voi da quel luogo non vorrete più andare via e spererete di non perdere quei personaggi con il tempo ma di vederli apparire a Verate, magari in futuro, in visita a Marco e Sassi, tutti insieme, con un bel pulmino! Chissà che Virginia non mi renda felice pensandoci... ;)
Che dire di più se non che vi consiglio questo libro?!?


 


VOTO:



2 commenti:

  1. Come sai sto terminando la lettura. Purtroppo la vita in spiaggia ha rallentato i ritmi. Ora sono pronta per le battute finali
    ❤️

    RispondiElimina